Vita Liquida

Lui “Credi alla fine del mondo il 21 dicembre 2012?”

Lei “Purtroppo no!”

“Non le ferrovie, nossignore! – replicò Lébedev – per se stesse le ferrovie non turberanno le fonti della vita, maledetto però è tutto questo nel suo insieme; tutto questo spirito dei nostri ultimi secoli, nel suo complessivo aspetto scientifico e pratico, è forse veramente maledetto” e come dargli torto a questo personaggio nel libro “L’idiota”. Quel “è forse veramente maledetto” sembra essere quasi una profezia e forse quell’aspetto scientifico e pratico ha fatto perdere alla società consistenza e spessore fino ad essere definita dal sociologo Zygmunt Bauman liquida” in un  saggio del 2005?

Una società può essere definita “liquido-moderna” se le situazioni in cui agiscono gli uomini si modificano prima che i loro modi di agire riescano a consolidarsi in abitudini e procedure. La vita liquida, come la società liquido-moderna, non è in grado di conservare la propria forma o di tenersi la rotta a lungo –  questo è quello che scrive Bauman nell’introduzione.

Tempi difficili e complicati in cui si cerca disperatamente “me stesso” tanto che in questa ricerca siamo aiutati anche da manuali o psicologi. La domanda da farsi è “Ma io chi sono?” e quando trovi uno schifo di risposta la società, la maggior parte delle volte, ti definisce “diverso” o “curioso”. E gli altri che non riescono a trovare una risposta? “No problem” sembra rispondere la società perché l’aiuto esiste ed è quello che scrive Bauman – Per essere individui, nella società degli individui, bisogna tirar fuori i soldi, un sacco di soldi” e quindi il consumismo sembra incastrarsi perfettamente nei nostri mancati “risultati”, della serie “io non so chi sono ma attraverso quello che compro IO SONO”. Ed è proprio questa la forza della società liquida, la promessa di una felicità a portata di mano raggiungibile con mezzi assai poco eroici che appare però  gratificante.  Ma che cazzo di felicità è? Ma poi mi domando, la felicità esiste? O anche questa, sembrerebbe, impacchettata con un bel fiocco e venduta ad un prezzo molto alto e con elementi estetici ben definiti. Tutti che propinano il concetto di felicità attraverso film, storie o libri e sembrerebbe un comandamento “Essere felice“. Non so definire  la felicità e come la vedo io si può vivere senza nemmeno esserlo. E come cazzo si è felice in tempi di crisi economica? E come si fa ad essere felice senza soldi? Non preoccupatevi. Ora il comandamento è cambiato “Ora devi angosciarti per capire  la vera felicità” e vai con l’aumento dei suicidi per colpa della crisi (mi dispiace dirvi che il numero dei suicidi è sempre lo stesso), su come risparmiare strizzando un occhio all’ecologia, sull’importanza del baratto e sugli abiti usati (chiamato vintage che fa tanto chic) e che è tutta colpa delle banche ma poi cazzo mi chiedo ma i soldi chi li dava alle banche? E i mutui dati a cani e porci con buste paghe false pur di “accendere” un mutuo per 30 anni per avere la casa “in”? E i mutui per i viaggi e i matrimoni? Tutto per questo per essere felici! Abbiamo buttato vite dietro ad un concetto che forse non esisteva ma nel 1992 non avete sentito puzza di cadavere? Ah no! E infine volete sapete qual è il rovescio della medaglia di una società consumistica? L’essere diventati una massa d’imbecilli e la via d’uscita? Ah non lo so, io sono infelice e sinceramente mi faccio i cazzi miei! Il mondo non è un posto degno di essere salvato, certo con rare eccezioni come I Rolling Stone (direbbe un mio amico).

 “C’è più ricchezza, ma meno forza, un’idea che leghi gli uomini non c’è più: tutto è rammollito, tutto è sfatto, tutti sono sfatti. Tutti, tutti, tutti siamo sfatti!” … il libro è sempre “L’idiota” pubblicato a puntate nel 1868!

http://www.youtube.com/watch?v=MH6Ed4V3tpo&feature=related

Annunci

11 pensieri su “Vita Liquida

    1. Non ti preoccupare stanno lavorando anche sul concetto della mortalità! Vogliono farci credere che un giorno potremmo vivere tutti fino a 150 anni e solo per vendere pillole, viaggi e interventi ad hoc. Ma come diceva mia nonna “Un giorno moriremo tutti, chi prima o dopo, ricco o povero” insomma perchè portare rancore e rabbia verso certe cose se alla fine muore anche l’altro. La morte da senso a molte cose e sinceramente ci salva anche da tante cose. Comunque bello quel tuo post!!!

  1. Hai ragione, come se morire fosse un errore medico-scientifico che cerchiamo in tutti i modi di evitare, ma via, cambiamo discorso e pensiamo all’arte! Grazie del complimento per il mio post, mi fa molto piacere.

      1. Aspetta ho trovato questa che chiude bene il discorso
        “È la consapevolezza della fine che infonde ogni momento che la precede di un meraviglioso significato. Che ci spinge a cercare nuovi inizi. È la coscienza di vivere in un tempo preso a prestito che ci suggerisce di usarne ogni boccone in maniera saggia. Insomma, la vita è piena delle cose – non una di più né una di meno – che la morte è riuscita a piantarci dentro.
        Zygmunt Bauman

  2. Ormai c’è un livello di consumismo talmente alto che vengono vendute delle cose inutili e che nemmeno esistono “concretamente”.
    Non so, penso alle App dei prodotti di Steve Jobs (che, per l’appunto, è inspiegabilmenten mito per moltissime persone, mentre in realtà era uno stronzo che ha inventato “cose” assolutamente non rivoluzionarie).
    Comprare comprare e comprare.

    Se il consumismo si misurasse almeno in grandi viaggi, ci sarebbe un po’ di buon gusto in più !

    1. Steve Jobs faceva bene il suo lavoro e conosceva bene come vendere le cose che produceva e pensava ma poi da qui chiamarlo genio mi sembra esagerato. Quel suo discorso nn é niente d’innovativo e rivoluzionazio… É la riscrittura in chiave postmoderna di Carpe Diem ma anche lui é morto quindi pace all’anima sua. Ma scusa che c’entra la ex Jugoslavia? E sui viaggi aspetta il prossimo post e poi mi dirai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...